Freelance e tempo libero: staccare per ricaricarsi

Il tempo è una risorsa importante per tutte, libere professioniste o meno. 

Per noi freelance è anche una questione delicata e complessa: per imparare a gestirlo bene abbiamo bisogno di fare esperienza e di sbagliare. 

Per noi che non quantizziamo il nostro tempo lavorativo timbrando un cartellino o rispettando un orario definito da altri, la gestione del tempo, lavorativo e non, rientra a pieno titolo nella sezione ‘gioie e dolori’.  Da una parte, si rischia di non fermarsi mai e di vivere in un eterno flusso continuo in cui ogni nostra attività è legata al lavoro, dall’altra, il rischio è quello di prendersi una pausa quando gli altri lavorano e, di conseguenza, di perdere clienti e incarichi.   

Non è facile trovare il giusto equilibrio. Ciò che è certo è che abbiamo tutte bisogno di staccare e di ritagliarci del tempo libero da dedicare solo a noi stesse. 

“Staccare” per lavorare bene

Staccare la spina dal lavoro per cercare di liberare la mente è importante per rilassarsi e ricaricarsi. Lavorare sempre non vuol dire lavorare meglio. Al contrario, concentrarsi solo sul lavoro ha effetti negativi sulla produttività, sulla creatività e sul valore complessivo delle attività che svolgiamo. Può provocare la mancanza di concentrazione, di stimoli adeguati e la perdita di motivazioni. 

Capire che è arrivato il momento di fermarsi ci può aiutare a riflettere sui nostri limiti e, di conseguenza, ci può aiutare a prendere consapevolezza su qual è il nostro livello di saturazione lavorativa, quello in cui smettiamo di essere produttive ed efficienti.  

Chi ha detto che annoiarsi fa male? 

Non concedersi mai una pausa è logorante e, a lungo andare, controproducente.

Abbiamo bisogno di tempo libero per pensare a nuovi progetti e per farci venire nuove idee. Questi non sono processi automatici, al contrario richiedono che la nostra mente sia libera dai pensieri legati alla quotidianità e possa seguire nuovi stimoli. 

Se facciamo sempre le stesse cose, se restiamo sempre nella nostra comfort zone routinaria non avremo mai la possibilità di imbatterci in nuove sfide e di lasciarci avvicinare da stimoli diversi dai soliti.

Puoi fare lunghe passeggiate o abbandonarti a sedute di meditazione, puoi optare per l’ozio più totale che ti aiuterà a svuotare completamente la mente, puoi usare il tuo tempo per fare percorsi personali che ti aiuteranno a scoprire qualcosa di nuovo su di te. In poche parole, qualunque cosa tu decida di fare per staccare dalla tua routine quotidiana deve farti stare bene. 

Il tempo libero e gli effetti positivi sul lavoro

Penso che per una freelance gestire correttamente il proprio tempo libero sia fondamentale almeno quanto formarsi, studiare, lavorare. 

Dedicarsi alla propria attività preferita o abbandonarsi a tempi morti è il modo migliore per liberare la mente e lasciare spazio alla creatività, alla propria emotività e alle nuove idee. 

Quando non è possibile concedersi una vacanza ti consiglio di modificare la tua routine quotidiana, quel tanto che basta per ritagliarti un po’ di tempo libero. 

Leggere, meditare, ascoltare musica, guardare un episodio di una serie televisiva, camminare 30 minuti ogni giorno, sono tutte buone pratiche e buone abitudini che hanno effetti positivi sul lavoro, sulla concentrazione e sulla produttività perché contribuiscono a rigenerare la mente e il corpo.

Cosa fai durante il tuo tempo libero? In che modo stacchi dal lavoro e ricarichi le batterie? 

Condividi la tua esperienza e i tuoi pensieri con la nostra community. 

Alla prossima! 

Precedente

Successivo

Invia commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Shares