Consigli per freelance: personal branding e rete di relazioni personale

Dopo tanti anni di attività posso dire che essere una freelance è una bella avventura, fatta di alti e di bassi, certo, ma anche di momenti molto intensi che ho vissuto in prima persona e che ho potuto condividere con molte altre donne entusiaste e appassionate del proprio lavoro. 

Tra gli aspetti che mi piacciono di più dell’essere freelance ci sono, da una parte, la possibilità di mettere a disposizione degli altri tutto quello che ho imparato e, soprattutto, dall’altra, l’opportunità di imparare dalle persone che incontro.

Credo molto nell’importanza di promuoversi e di creare relazioni personali e professionali di qualità: questo mio modo di pensare ha definito parte della mia attività.  

Per questo se dovessi pensare ai consigli da dare a un freelance alle prime armi le direi di puntare sulla promozione di sé stessa e sulla creazione di una solida rete di relazioni personali e professionali. 

Personal Branding: l’importanza di promuovere sé stesse

Fare personal branding e avere una strategia per la promozione della propria attività sono pratiche utili per farsi conoscere, per far conoscere i propri servizi, per definire una propria presenza e per mostrare anche nei fatti quello che si sa fare. 

Il personal branding, in poche parole, serve per trovare clienti. Se nessuno ti conosce e nessuno sa di cosa ti occupi, nessuno ti cercherà. 

Fare personal branding, però, non è semplice. Richiede la definizione di una strategia, strumenti adeguati per metterla in atto e, soprattutto, tempo.    

I tempi che viviamo impongono di essere presenti online. Dal web, infatti, passano buona parte delle ricerche di chi è in cerca di servizi, ma allo stesso tempo il web è ‘il luogo’ in cui buona parte delle persone trascorrono il loro tempo producendo e condividendo contenuti. 

Gli strumenti che secondo me sono indispensabili per fare personal branding sono:

  • sito web personale;
  • account social curati;
  • blog;  
  • newsletter. 

Non tutti gli strumenti sono necessari, molto dipende da quali sono gli ambiti in cui operano i tuoi potenziali clienti. Per esempio la presenza sui social va definita con estrema attenzione, ogni social richiede modalità di presenza e di interazione particolari e, siccome non si ha sempre la possibilità di dedicare a tutti la stessa attenzione, è meglio fare a meno di un social per evitare di avere un account poco curato. 

Una volta definiti gli strumenti adatti, dovrai studiare una strategia di content marketing che ti permetterà di usarli nel migliore dei modi per raggiungere i tuoi obiettivi professionali. 

Inoltre ti consiglio di frequentare, essere presente e partecipare attivamente alle attività di alcune delle community più importanti per il tuo settore. 

Fare rete: insieme siamo più forti

Il personal branding oltre a essere uno degli strumenti più efficaci per promuoverti è anche uno dei più utili per creare connessioni con altre libere professioniste. Avere una rete di relazioni fitta e affidabile costituisce una base su cui poter contare. Collaborare, incontrarsi, confrontarsi, discutere di alcuni aspetti della propria attività non può che fare bene a ogni libera professionista che ha la necessità di mantenersi sempre attiva e di avere stimoli utili per portare avanti la propria attività.   

Non credo sia necessario portare esempi. Basta osservare, ognuna nel proprio piccolo, come dalla presenza e dalla condivisione della propria esperienza scaturiscano risultati importanti per la propria attività lavorativa (lo sto sperimentando in questi giorni, presto te ne parlerò).

Ddays è un progetto che va in questa direzione

Ddays, un anno da donne” ti offre la possibilità, da una parte, di fare personal branding utilizzando un kit di strumenti adeguati, digitali e non, e, dall’altra, quella di creare una rete di relazioni con altre libere professioniste come te.
Non perdere questa occasione!
Visita la pagina dedicata e compila il form: diventa una delle protagoniste del 2021!

Precedente

Successivo

Invia commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Shares